FARMACI: CONTRO SUPPLEMENTO NOTTURNO ARTICOLO32 E CODACONS RICORRONO AL TAR DEL LAZIO

Scritto da Ufficio Stampa. Postato in Comunicati stampa

DECRETO INIQUO E LESIVO DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI, VA ABOLITO. RISCHIA DI AVERE EFFETTI NEGATIVI SU SALUTE PUBBLICA

 

L’associazione Articolo32 (specializzata nella tutela del diritto alla salute) e il Codacons annunciano ricorso al Tar del Lazio contro il decreto che porta il supplemento dei farmaci acquistati di notte nelle farmacie da 3,87 euro a 7,50, fino al record di 10 euro nelle farmacie rurali.

Alla base della decisione delle due associazioni di ricorrere al tribunale amministrativo, la palese illegittimità del provvedimento poiché determina disparità di trattamento tra cittadini e arreca danni economici ai consumatori.

“Introdurre un balzello così elevato a danno di chi si trova in uno stato di necessità legato all’esigenza di acquistare beni essenziali come i farmaci, lede il diritto alla salute costituzionalmente riconosciuto" – spiegano Articolo32 e Codacons – "Il profitto delle imprese, in questo caso le farmacie, non puoi mai venire prima del diritto dei cittadini alle cure, intese anche come medicinali, e un supplemento che arriva a costare 10 euro non solo lede i consumatori, ma rischia di avere effetti negativi sulla salute pubblica, portando i cittadini a rinunciare all’acquisto di farmaci utili perché disincentivati dal nuovo balzello a loro carico”.

Per questo Articolo32 e Codacons promuoveranno ricorso al Tar del Lazio chiedendo la sospensione del decreto ministeriale dello scorso 22 settembre, pubblicato in gazzetta ed in vigore dal 9 novembre, poiché in palese conflitto col diritto alla salute.

Per una migliore navigazione questo sito utilizza i cookies rispettando la privacy dei vostri dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito accettate il servizio e gli stessi cookie.