NUOVI FARMACI PER HIV

Scritto da Ufficio Stampa. Postato in Comunicati stampa

ECCELLENZA ITALIANA SCOPRE LA “PORTA DEL VIRUS”

L'Associazione Articolo 32 accoglie con favore i risultati della ricerca presentata durante la Conferenza italiana su Aids e retrovirus (Icar) di Riccione. Tramite lo studio del Centro internazionale di ingegneria genetica e biotecnologie di Trieste (Icgeb) è infatti stato possibile risalire alla sede di insediamento del virus, una volta arrivato nelle cellule infettate.
Il professore Mauro Giacca, responsabile della ricerca, ha commentato: “Sarà ora possibile preparare farmaci mirati a bloccare l'integrazione del Dna del virus. Questi potrebbero consentire l'eradicazione definitiva dell'infezione”. Una tecnica di microscopia sofisticata ha permesso di rintracciare il punto in cui andrebbe a collocarsi il virus: il Dna del virus andrebbe ad annidarsi nella periferia del nucleo, vicino ai pori nucleari, “ovvero alle porte di ingresso attraverso cui le molecole entrano e escono dal nucleo. Il virus sfrutta il passaggio attraverso queste porte e, non appena entrato nel nucleo, va a integrare il proprio Dna in quello della cellula”.
Nella pubblicazione Estimates of the Number of People Living with HIV in Italy, è stato stimato che, alla fine del 2012, in Italia risiedessero 123.000 individui – a partire da 15 anni d'età – affetti da Hiv. Per la situazione tutt'ora allarmante, l'Associazione Articolo 32 non può che dirsi entusiasta della scoperta scientifica dell'Icgeb, che in futuro potrà contribuire attivamente alla lotta all'HIV.

Per una migliore navigazione questo sito utilizza i cookies rispettando la privacy dei vostri dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito accettate il servizio e gli stessi cookie.